Volare nel Cosmo – Howl Jordan

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Stamani mi sono fatto un giretto nello spazio.

Parte tutto da un sogno: a un certo punto inizio a svolazzare e la gente un po’ incredula inizia ad incuriosirsi e in un certo senso anche un po’ ad inseguirmi.

Io mi arrampico su dei cornicioni e poi faccio un salto e immagino di essere alato, comincio a muovere le mie ali che sento enormi e volo. All’inizio è molto instabile e davanti a me noto uno sfondo celeste con una nuvola che non so come mai mi ricorda Cristo.

Sotto di me una persona, sembra vestita con uno smoking inizia ad inseguirmi, la vedo dall’alto che fa salti per volere raggiungermi, ci riesce un paio di volte; per evitare che mi butti giù penso che devo tirare dritto senza considerarlo.

Cosi continuo a volare e trovandomi in un viale alberato pronuncio: “Più veloce, Più veloce..”

Ora sento che dalla parte delle mie gambe fuoriesce un energia, comincio a prendere velocità, tutto inizia a sfrecciare e a distorgersi; le piante, gli alberi il cielo si mescolano insieme e io sento una forte pressione, sento l’aria, il brivido della velocità e dell’altezza che aumenta fino a trovarmi a viaggiare ad alta velocità nello spazio.

Davanti a me un manto di stelle, pianeti, e io che sfreccio dentro a un tunnel di nuvole, sembra un tunnel spazio tempo. Sono estasiato, sorpreso, completamente cosciente di essere solo nello spazio e a milioni di anni luce solo col mio “corpo”.

Ho la consapevolezza che più vado avanti più divento veloce e potrei andare anche più lontano e altrove. Un po’ sono anche spaventato, ma sono felice per la bellissima esperienza.

Decido che per ora voglio fermarmi qui. Mi sveglio con un senso di euforia e felicità, questa esperienza seppur non molto lunga è stata intensa.

Penso ci tornerò e la prossima volta mi spingerò più in là.

Howl Jordan è un cantante cantautore:

Micky

Micky

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.