Viaggio astrale: realtà o illusione?

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin

Molti mi chiedono:
” ..ma la OBE, il viaggio fuori dal corpo, è una esperienza reale o illusoria? 
Mi piacerebbe capire se quando “usciamo” e “viaggiamo” .. usciamo veramente.. o e solo un viaggio dentro di Noi .. oppure usciamo davvero ma non possiamo interagire o percepire bene il mondo fisico…”

La mia risposta è:
certo che puoi percepire il piano fisico, altrimenti di che cosa stiamo parlando da anni?
L’approccio di un “viaggiatore” è investigativo, scientifico e pragmatico e non esclude alcun sistema di credenze. Ma allo stesso tempo tutto ciò che viene detto nei nostri seminari e corsi è da sperimentare.
L’esperienza del viaggio astrale è interna, avviene nel mondo mentale, emozionale: è il mondo dei pensieri e delle emozioni dove noi viviamo una vita parallela, di giorno e di notte.

Di giorno siamo qui e pensiamo, proviamo emozioni e sentimenti;di notte, il corpo dorme usciamo e sogniamo, o meglio ancora viviamo i nostri valori psichici.

È il mondo interiore: noi in realtà siamo più lì che qui ma non ce ne rendiamo conto, passiamo la nostra vita a fantasticare e sognare, siamo esseri incoscienti e dormienti.
Però il piano mentale, come tutti i mondi sottili è collegato al piano fisico, quindi ciò che provochi lì ha delle ripercussioni qui.
I viaggi astrali cambieranno il tuo modo di vedere la vita e se la tua volontà e motivazione è forte avranno delle ripercussioni positive nella tua vita terrena, in tutti gli ambiti terreni ma anche nel piano della conoscenza di te stesso e del contatto col tuo Sé interiore, la tua parte più reale e priva di maschere e ruoli programmati dalla società in cui viviamo.

Affermazione provocatoria ma che deriva da una riflessione seria:
Se non c’è interazione con la realtà “oggettiva” qualunque esperienza ricade nella categoria sogno.
Difatti può esserci interazione con la realtà fisica. Quella diretta è più difficile e sicuramente meno disponibile. L’interazione avviene cambiando quella realtà (interna) a favore di quella esterna (o fisica) anche se la distinzione è puramente una nostra illusione che deriva dalla totale ignoranza dei processi interni.

Cambia te stesso per cambiare il mondo che ti circonda.

Nel mondo astrale, il cambiamento è veloce; quando tu programmi un PC per far eseguire delle funzioni ad un robot, quella macchina segue un ordine svolgendo delle funzioni che ti alleggeriscono o ti semplificano la vita. Allo stesso modo noi siamo robot talmente evoluti che siamo in grado di riprogrammarci, dobbiamo ricordarci del nostro programma originario. Il programma o subconscio crea continuamente la nostra realtà ma non ne siamo consapevoli.

Dato che il tuo programma è collegato al programma degli altri, di tutto il creato hai una possibilità di conoscenza ed interazione infinità, ti pare poco?

Buona giornata
Michele Bizzarri

Micky

Micky

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *