Un amico morto in circostanze misteriose

Eccovi un racconto tratto dal libro di Michael Raduga “La Fase” (pag 614) che vi fa comprendere come le esperienze extracorporee sono un mezzo per trovare informazioni su cose e persone verificabili con scrupolosità una volta rientrati nel mondo fisico:

“Mai guardare il notiziario del mattino e mangiare allo stesso tempo. Ho vomitato tutta la colazione di oggi dopo aver appreso la notizia che qualcuno che conoscevo era stato brutalmente ucciso quella notte. Aveva provato a chiamarmi un paio di settimane prima, ma non ero dell’umore giusto per accompagnarlo in un’altra delle sue bevute. Per la mia tranquillità, ho deciso di provare in qualche modo a fare ammenda.

Mi sono sdraiato. Con grande difficoltà, mi sono calmato e ho iniziato a concentrare la mia attenzione su un movimento fantasma del braccio. All’inizio non si è verificato nessun movimento, ma una volta arrivato, ha iniziato rapidamente ad aumentare di ampiezza. Una breve perdita di coscienza si è verificata dopo circa 10 minuti e sono stato in grado di alzarmi facilmente dal letto.
Non ho avuto bisogno di approfondire. Dopo aver chiuso gli occhi, ho immediatamente concentrato la mia attenzione sull’immagine del mio amico.

Poi, qualcosa mi ha preso e mi ha spostato in una direzione sconosciuta. Dopo alcuni secondi sono stato letteralmente gettato nella cucina del suo appartamento. Come al solito, era seduto su una sedia a un tavolo, con davanti del cognac. Non mi ha prestato attenzione. Non aveva un bell’aspetto, con molti lividi e tagli sul viso e sulle braccia. Anche se non c’era sangue, era tutto terribile da guardare a causa del realismo, e ho iniziato ad avere di nuovo la nausea.
Quando mi sono avvicinato, si è voltato verso di me e ha singhiozzato… Ho provato a chiedergli cosa fosse successo, perché al notiziario non avevano detto esattamente quello che era successo. Si è scoperto che alla base di tutto c’era il suo stile di vita. Ha cominciato a gridare che voleva vivere, e che non avrebbe più agito in quel modo se solo avesse potuto vivere di nuovo. Mi sono scusato per non aver risposto al telefono. L’ho guardato per l’ultima volta. E, agendo contro le mie convinzioni, sono tornato nel mio corpo.

Quella sera, la sua spiegazione di ciò che era successo è stata confermata. Per quanto riguarda il suo comportamento e l’aspetto esteriore, sono stati comprensibilmente creati dalle mie emozioni. Penso che se lo incontrerò tra diversi mesi agirà in modo diverso.”

tratto dal libro “La Fasescaricabile gratuitamente o acquistabile in versione cartacea su Amazon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *