La Purificazione dei Chakra e dei Nadi

Cosa sono i chakra?

I sette chakra sono i principali centri energetici dove scorre l’energia del nostro corpo. L’energia che si accumula nei chakra ci consente di avere un’attività intellettuale, emotiva e spirituale.

1° chakra, muladhara o “chakra della radice”

Posizione: nella parte inferiore del bacino, tra coccige e pube. Colore: rosso

In armonia: stabilità psichica, radicamento, collegamento alla terra, sicurezza, protezione, energia vitale, volontà di vivere. Costituzione sana, buona e attiva, perseveranza, capacità di resistenza, ossa e unghie robuste, denti sani, buona digestione ed escrezione.

Bloccato: carenza di energia vitale, scarsa gioia di vivere, mancanza di fiducia nella vita, angoscia, paura del futuro, diffidenza, disturbi intestinali, stitichezza, diarrea, emorroidi, dolori sacrali, sciatalgia, colpo della strega, dolori alle gambe e ai piedi, unghie fragili, stress.

2° chakra, svadhistana o “chakra sacrale”

Posizione: sotto l’ombelico. Colore: arancio

 In armonia: energia vitale e gioia di vivere, creatività e sensualità, rapporti positivi con le altre persone ,capacità di entusiasmarsi e di lasciar andare.

Bloccato: restare fermi nel passato, rammarico, incapacità di godersi la vita, farsi rimproveri, sensi di colpa, assenza di motivazione, gelosia, invidia, sbalzi d’umore. Problemi mestruali, dolori lombari e alle anche.

3° chakra: manipura o “chakra del plesso solare”

Posizione: metà superiore del ventre . Colore: giallo
Ha il compito di elaborare gli avvenimenti della nostra vita, di agire energicamente, la volontà, l’autostima e l’autonomia personale. In senso spirituale è l’essenza attiva di cui siamo stati dotati.

In armonia: grande quantità di energia e vitalità, sicurezza, fiducia in se stessi, soddisfazione, gli obiettivi si realizzano, dinamismo, saggezza, sviluppo della personalità, sensibilità ed empatia, decisioni intuitive, nervi saldi, sonno eccellente. Capacità di imporsi e forza di volontà.

Bloccato: carenza di energia vitale, freddezza, indifferenza, insicurezza, resistenza ai cambiamenti, mancanza di sicurezza, avidità di potere, ambizione smodata e mentalità competitiva, mancanza di riguardo, accessi di collera, ira, mancato raggiungimento degli obiettivi, incapacità di imporsi. Dolori nel tratto lombare della colonna vertebrale, disturbi digestivi, meteorismo, bruciore di stomaco, disturbi del sonno.

4° chakra, anahata o “chakra del cuore”

Posizione: al centro del petto. Colore: verde
E’
la capacità di amare in modo incondizionato cioè provare cioè un sentimento che non parte tanto dalla mente, quanto dal cuore, riunisce in sé tutta l’energia del nostro essere, il Sè interiore. E’ il chakra fondamentale perchè è il ponte tra fisicità, materialità è spiritualità, connette la terra al Cielo, l’umano al  Divino

In armonia: amore universale, amore di sé, compassione, perdono, lasciar andare e aprirsi al nuovo, aprire il cuore, fede, calore umano, empatia, profonda comprensione, immedesimazione, responsabilità, aprirsi alla vita.

Bloccato: difficoltà a instaurare rapporti umani, insensibilità, durezza di cuore, amarezza, solitudine, difficoltà ad accettare l’amore, problemi relazionali, rifiuto della responsabilità, tosse, raffreddori frequenti, dolori alla colonna vertebrale e alle spalle, reumatismi alle braccia e alle mani, acne.

5° chakra, vishuddha o “chakra della gola”

Posizione: al centro della gola. Colore: azzurro

E’ il centro della comunicazione, scorre la nostra verità, che viviamo e trasmettiamo al mondo. Rappresenta anche la nostra creatività e percezione estetica ed artistica.

In armonia: capacità comunicativa, espressività verbale e creativa, eloquenza, uso consapevole delle parole, autenticità. Esprimere e vivere la propria verità interiore. Autonomia, energia creativa, conoscere il proprio valore, bella voce, musicalità.

Bloccato: difficoltà a esprimere pensieri e sentimenti con le parole, paura a sostenere la propria opinione, sparlare, fare pettegolezzi, frasario negativo, inibizioni, timidezza, mal di gola, mal di denti, gengiviti, dolori cervicali e alle spalle, mal d’orecchio.

6° chakra, adjnia o “chakra del terzo occhio”

Posizione: grande chakra che si trova al centro della fronte. Colore: indaco

E’ la sede dello spirito e dell’intelletto, della proiezione della volontà e della percezione extrasensoriale, è la mente tattica, razionale. In senso spirituale è il terzo occhio, come qualità della persona è la fiducia in se stessi.

In armonia: buona memoria e capacità di concentrazione, focalizzazione, intuito sviluppato. Visione e riconoscimento delle vere cose del mondo, percezione extrasensoriale, spiccata immaginazione e fantasia, chiarezza mentale, conoscenza di sé.

Bloccato: difficoltà di concentrazione e apprendimento, mancanza di intuizione e fantasia, spirito inquieto, pensieri negativi, rimuginare, grattacapi, mal di testa, debolezza visiva, mal d’orecchio, sinusiti e raffreddore cronico.

7° chakra, sahasrara o “chakra della corona”

Posizione: sopra il cranio.Colore: viola

E’ il centro della spiritualità: ci connette con l’energia universale divina e con il progetto della nostra anima, è la comunione con il Divino, in senso individuale è l’autorealizzazione

In armonia: coscienza universale, energia creatrice spirituale e integrità, realizzazione di sé e profonda pace interiore.

Bloccato: attaccamento alle cose materiali, sensazione di mancanza, impotenza, atteggiamento vittimistico, apatia, stanchezza mentale, vuoto e insoddisfazione, disturbi del sonno, emicrania.

a che serve questa meditazione?

Questa meditazione ci permette di purificare i chakra per attivare il tipo di energia che si può sprigionare dal singolo centro. La meditazione, l’ascolto dell’altro, la vita stessa, le scelte che ci mette davanti, sono tutte vie attraverso cui un chakra può aprirsi. Questa tecnica consiste nel concentrarsi sul singolo chakra e vocalizzare il mantra associato richiamando l’elemento ad esso corrispondente
Quando sono sviluppati bene, i chakra rilasciano energia che diventa potere creativo, piacere sessuale, potenziamento delle proprie doti naturali.

  • Primo Chakra – Muladhara

  • Siedi nella tua Asana o posizione preferita mantenendo la colonna vertebrale eretta
  • Tramite immaginazione percettiva concentrati al di sopra della testa, a circa 50 cm di distanza.
  • Visualizza in quel punto un piccolo Sole.
    La respirazione deve essere rilassata.
    Da questo Sole fai scendere un raggio dentro la fontanella del cranio, al centro della colonna vertebrale fino ad arrivare al chakra di base (fra i genitale e l’ano).
  • Ora invoca l’aiuto della Terra e visualizza un flusso energetico salite dal basso verso il chakra di base.
    Visualizza boschi, montagne e prati e sentiti in comunione con il Pianeta.
    Assorbi i due flussi energetici e a ritmo della respirazione contrai e espandi la sfera energetica
    nel chakra di base.
  • Quando ti sentirai pronto vibrerai il mantra “LAM” 7 volte concentrandoti in quel punto . Il suono del mantra e sempre lento, basso e grave.
  • È molto importante l’emozione del Sentire durante l’esercizio..
    Il raggio che scende dell’ottavo chakra sarà come i raggi del Sole mattutini.

Durante l’esercizio si può chiedere al Pianeta l’aiuto di un “Alleato” dell’elemento terra (spirito elementale)
Nelle mitologie vengono raffigurati come il Popolo dei Nani
Domanda: Bisogna posizionare le mani in qualche mudra specifico?
Consiglio di posizionare la mano destra rivolta verso l’alto e la sinistra verso il basso, così da integrare due energie complementari positivo/negativo, Maschile/femminile, Spirito/materia.
Gli elementari sono facoltativi..
Domanda: Quanto dura questa meditazione?
Non ha limiti di tempo, più è dettagliata e meglio è.

  • Secondo Chakra – Svadhistana

 

Segue l’esercizio precedente;

  • Dal chakra di base e la sfera energetica si innalza in un punto della colonna a un palmo sotto l’ombelico, rimangono sempre i due flussi che si incontrano nel chakra.
  • Sempre per mezzo di immaginazione percettiva si cercherà di sentire l’energia penetrare dalla parte dorsale ed espandersi come una sfera bianco/oro (raggi solari mattutini).
  • Dopo aver preso confidenza con il punto tramite respiro espansione e contrazione della sfera, ci si concentrerà sull’elemento acqua, visualizzando ruscelli,fiumi, laghi, oceani….
    È richiamando quel tipo di energia nel punto, insieme all’influenza Lunare.
  • Ora si potrà vibrare il mantra YAM/VAM con tonalità lenta, bassa e grave per 7 volte concentrandosi in quel punto.
  • Per questo chakra chiederemo l’intervento delle Ondine dell’acqua
  • Terzo Chakra – Manipura

Segue l’esercizio precedente,

  • Ora innalziamo la nostra sfera bianco/oro nel plesso Solare.
    I due flussi rimangono sempre attivi con il fluire dell’energia da oltre il settimo chakra e dalla Terra.
  • Concentriamoci in quel punto, è sempre tramite respirazione si contrarrà e si espanderà la nostra sfera.
  • Ci concentreremo ora sull’elemento fuoco, sempre tramite immaginazione percettiva e richiamando quel tipo di energia nel chakra.
  • Una volta presa confidenza con il punto si userà il mantra RAM/REM sempre con tonalità lenta,bassa e grave e concentrandosi nel punto si ripeterà 7 volte.
  • Per il terzo chakra chiederemo l’intervento della Salamandra del fuoco
  • Quarto Chakra – Anahata

  • Segue l’esercizio precedente.
  • Ora facciamo salire la nostra sfera bianco/oro nel centro del petto, nel chakra del cuore.
    Questo chakra rappresenta il ponte tra le energie spirituali e quelle più dense e materiali.
    E tramite questo centro energetico che l’essere umano può accedere nelle dimensioni più sottili.
  • Ci saranno sempre i due flussi,uno discendente da oltre il settimo chakra e uno ascendente dalla terra.
    Questa centratura energetica la riprenderemo con il campo Toroidale Merkabah, più in là. .
  • Ora una volta raggiunta una certa confidenza con il centro cardiaco contraendo ed espandendo la sfera energetica a ritmo del respiro ci si concentrerà sull’elemento Aria, e espandendo il nostro cuore trovare la giusta condizione di empatia verso tutto il creato.
  • Si potrà poi
    eseguire il mantra SAA’AAM con tonalità lenta bassa e grave e concentrandosi nel plesso cardiaco.
  • Per il quarto chakra chiederemo l’intervento della Silfidi dell’Aria.
  • Quinto Chakra – Vishudda

  • Segue esercizio precedente.
  • Ora innalziamo la nostra sfera energetica bianco/oro e l’incontro dei due flussi al centro della gola.
  • Tramite respirazione ci concentriamo in quel punto. Ispirando espandendo Espirando contraendo. Concentriamoci sull’energia pranica.
  • Dopo aver preso confidenza con il punto si potrà usare il mantra HAM/HEM con tonalità lenta bassa e grave. Ripetere 7 volte.
  • Sesto Chakra – Ajna

  • Segue esercizio precedente.
  • Ora innalziamo la nostra sfera energetica su al centro della testa. Concentriamoci sempre sui flussi ( discendente/ascendente).
  • Porteremo l’attenzione in un punto ben preciso in mezzo alle sopracciglia incrociando leggermente gli occhi.
  • Segue espansione/contrazione tramite respirazione della sfera bianco/oro.
  • Poi una volta presa confidenza con il punto si userà il mantra ON/OM con tonalità lenta,bassa e grave.
  • Ripetere 7 volte.
  • Settimo Chakra – Sahasrara

  • Segue esercizio precedente.
  • Ora innalziamo la nostra sfera energetica bianco/oro appena sopra la fontanella del cranio. Ci si concentrerà in quel punto e sempre tramite respirazione ci sarà l’espansione/contrazione della sfera.
  • Se si avvertirà un leggero pizzicore sopra la testa, vuole dire che si sta lavorando bene.
  • Ci si concentrerà per un attimo sulla vastità dello spazio cosmico, poi una volta presa confidenza con quel punto si userà il mantra AUMGN con tonalità lenta,bassa e grave.
  • Ripetere 7 volte
  • Oltre il Settimo Chakra

  • Segue esercizio precedente.
  • Ora la nostra sfera energetica sale a quel Sole iniziale a 50 cm sopra la testa, e viene spinta dall’energia ascendente della Terra.
  • In questo momento meraviglioso voi siete Uno con il Pianeta.
    L’Energia tellurica della Terra vi sostiene e vi spinge verso l’alto.
  • Trovate dentro di voi in questo magico momento il giusto Sentire ed espandete la vostra coscienza verso il vostro Sé superiore.
    Poi emetterete un suono(spontaneo) scaturito dal Cuore verso l’Unità con tutte le cose.
  • I Nadi energetici

Oltre ai 7 Chakra principali il nostro organismo possiede molti Chakra secondari collegati da canali energetici.
I Nadi principali salgono lungo le gambe, scorrono lateralmente al tronco e poi vanno verso le mani e verso la testa.
L’esercizio che segue serve a ripulirli a livello energetico.

  • Siedi nella tua Asana (posizione) o sdraiati.
  • Rilassati e porta la tua attenzione al Chakra del cuore.
    Esattamente nella parte dorsale in mezzo alle scapole, in profondità nel midollo osseo.
  • Ora tramite immaginazione percettiva fai fuoriuscire un raggio di Luce Rosa da quel punto e inizia a farla fluire nel Chakra del Cuore.
  • Espandi questa Luce Rosa amorevole verso gli altri Chakra e lungo i Nadi energetici (canali).
    Immagina di farla fluire nei nervi, nel sangue e nelle cellule del tuo organismo.
  • Concentrati sul Sentire questa onda amorevole accarezzarti dall’interno e gioisci.
  • Continua finché non brillerai completamente di Luce Rosa e poi inverti il processo riportando l’energia al tuo interno, in quel punto in mezzo alle scapole.

video con meditazione audio guidata:

Un abbraccio.

Carlo Axerio

Seminari e Corsi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *